Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariOpinioniSanitàLa salute senza lo stipendio nel Sassarese
Alessandro Nasone 29 gennaio 2016
L'opinione di Alessandro Nasone
La salute senza lo stipendio nel Sassarese


Siamo arrivati ormai a gennaio inoltrato, le feste Natalizie sono terminate e Carnevale è alle porte ma per i lavoratori del Policlinico sassarese nulla è cambiato, anzi, questo periodo è stato molto amaro.
All’appello manca lo stipendio di dicembre, la tredicesima, e lo stipendio di Gennaio. I lavoratori, stremati ormai da una situazione assurda che va avanti da tanto, troppo tempo, hanno più volte protestato alla direzione della struttura di Viale Italia, la quale rimbalza le colpe alla ASL di competenza, che dovrebbe erogare ancora un ingente somma, a data da destinarsi.

Ma andiamo per ordine, il Policlinico Sassarese, struttura polifunzionale, privata convenzionata con il sistema pubblico, eroga numerose prestazioni, assistenziali, ambulatoriali, chirurgiche e di sala operatoria. Tutte a pieno regime, ogni giorno. La segreteria territoriale del Nursing Up, chiede all’Amministrazione del Policlinico e al Commissario dell’Asl di chi sono le colpe dei ritardi, se sono da imputare a gestione deficitaria del policlinico oppure alla Asl che salda le prestazioni con grande ritardo. Di chiunque sia, comunque la responsabilità di questo agire, bisogna ricordarsi che ci sono famiglie che vivono dallo stipendio guadagnato ogni giorno all’interno dei reparti del Policlinico.

Per di più, il problema cronico dei ritardi nel pagamento degli stipendi ai lavoratori non riguarda solo il po-liclinico sassarese, ma ben si tutte le strutture private presenti nel territorio, una su tutte il San Giovanni Battista, di Ploaghe, dove lavoratori si trovano in arretrato di sei stipendi, e la struttura verte in una situazione di empasse giuridico-legislativa,continuando nel frattempo a macinare debi- to, circa 100 mila euro mensili nonostante 400 prestazioni sanitarie giornaliere erogate. Il consiglio regionale aveva pochi mesi fa approvato la modifica alla legge regionale 23/2005, che di fatto sopprimeva le ex ipab. Ma probabilmente la politica regionale, sempre più cagliaricentrica in questo periodo ha altro di più importante da pensare, che al diritto delle famiglie di recepire lo stipendio guadagnato. Sarebbe opportuno che alle parole i nostri rappresentanti regionali passassero ai fatti.

Il passaggio della struttura di Ploaghe alla Asl che deve riconvertirla e renderla funzionale e pro- duttiva, non può più attendere , la Politica Regionale e i Rappresentati del territorio non hanno più scuse, devono mantenere le promesse che da troppo tempo hanno fatto ai lavoratori e sindacati. I Delegati Regionali del Territorio devono pretendere gli atti che si consentano ai lavoratori di met- tersi al sicuro, di riuscire a pagare debiti, mutui e iniziare a garantire il minimo necessario alla pro- prio famiglia. Di contro, inspiegabilmente, assistiamo a strutture private, o private convenzionate, gestite da cooperative, dove i lavoratori vengono pagati puntualmente, senza soffrire ogni mese la speranza di un sacrosanto stipendio.

*Segretario Territoriale Nursing Up
Commenti
27/6/2016
Il temporeggiamento della Asl di Sassari, che fa seguito agli inaccettabili tempi lunghi della Giunta Regionale, è diventato un vero e proprio calvario per i lavoratori dell’ex Ipab di Ploaghe
27/6/2016
Il Programma Ritornare a casa è un progetto sul quale l´Assessorato e l´intera Giunta Regionale hanno deciso di investire ingenti risorse anche quest´anno, nonostante le ristrettezze del bilancio regionale
27/6/2016 video
«Cagliari e la Sardegna non si dimenticano ma l’Azienda ospedaliero universitaria si ama», dichiara il direttore sanitario dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari. «Uno splendido amico e un grande direttore sanitario», commenta il commissario straordinario dell’Aou Giorgio Sorrentino
27/6/2016
Giovedì 30 giugno all´ospedale San Martino cerimonia conclusiva del corso di formazione con il Commissario Straordinario Asl e l´Arcivescovo di Oristano
© 2000-2016 Mediatica sas