Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaSocietà › Questore ci ripensa: via a sit-in. Unioni Civili in piazza d'Italia
Red 20 gennaio 2016
#svegliatisassari è ora di essere civili! si svolgerà in piazza d’Italia sabato 23 Gennaio a partire dalle ore 18. Il Questore di Sassari ci ripensa e dà il via libera alla manifestazione
Questore ci ripensa: via a sit-in
Unioni Civili in piazza d'Italia


SASSARI - A 24 ore di distanza dal divieto [LEGGI], il Questore di Sassari ci ripensa e autorizza la manifestazione a sostegno delle Unioni Civili con lo spostamento di orari proposto dal coordinamento Diritti al Cuore. #svegliatisassari è ora di essere civili! si svolgerà in piazza d’Italia sabato 23 Gennaio a partire dalle ore 18.

«La mobilitazione virtuale, lo sdegno diffuso e, probabilmente, una telefonata di mediazione del sindaco Nicola Sanna hanno aiutato il Questore a cambiare idea e a permettere che anche Sassari possa scendere in piazza a supporto della legge sulle Unioni Civili. Legge che ancora oggi non è certo che passerà e che continua ad essere attaccata dalle destre, dal Vaticano e da numerosi cattolici della maggioranza» sottolineano dal coordianemnto organizzativo.

Il disegno di legge che andrà in Senato la prossima settimana prevede la regolamentazione delle Unioni Civili per le coppie gay e lesbiche e il riconoscimento delle convivenze di fatto sia etero che gay. Il testo Cirinnà riconosce alla coppie diritti di assistenza sanitaria, carceraria, unione o separazione dei beni, subentro nel contratto d'affitto, reversibilità della pensione e i doveri previsti per le coppie sposate.
Commenti
5/12/2016
La Chiesa ortodossa romena di Cagliari guidata dal prete Ioan Agape, ha organizzato un incontro per la comunità romena che vive in Sardegna, la più numerosa comunità straniera nell´isola
5/12/2016
Avviso per presentare le candidature, in forma singola o in rappresentanza di associazioni. Ultimo termine il 15 dicembre. La Commissione sarà costituita da 10 donne
© 2000-2016 Mediatica sas