Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSaluteSanità › Neuropsichiatria infantile a Sassari. Inaugurata la nuova sede
S.A. 18 gennaio 2016
Inaugurata la nuova sede del reparto di Neuropsichiatria infantile "Camillo Mastropaolo" dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari
Neuropsichiatria infantile a Sassari
Inaugurata la nuova sede


SASSARI - È stata inaugurata stamattina la nuova sede dell'Unità operativa complessa di Neuropsichiatria infantile dell'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari, situata al secondo piano della seconda stecca bianca in viale San Pietro. La struttura è finalizzata alla diagnosi e alla cura delle patologie neurologiche e psichiatriche acute o di elevata complessità che insorgono in età evolutiva, entro i 18 anni di età. Il nuovo reparto, diretto dal prof. Stefano Sotgiu, occupa una superficie di 850 metri quadri ed è suddiviso in un’area di degenza e una destinata all’attività ambulatoriale; nella prima si trovano cinque camere di degenza divise per età: tre camere sono destinate ai bambini sotto i 12 anni, le altre due sono per i ragazzi dai 12 ai 18 anni.

I pazienti hanno poi a disposizione un soggiorno mensa e una stanza in cui è ospitata la scuola che ha attive, nel reparto, una sezione di Scuola Primaria e una di Scuola Secondaria di 1° grado. L’ area ambulatoriale è composta invece da otto ambulatori di cui due studi di neurofisiologia per consentire la corretta esecuzione di esami quali elettroencefalogramma, elettroneurografia e potenziali evocati; completano l’accettazione, la direzione, la sala medici, la sala infermieri e la stanza del medico di guardia. Il trasferimento nella attuale posizione all'interno delle strutture di Viale San Pietro, realizzato già dal mese di luglio 2015 dopo 8 anni di permanenza nei locali del Policlinico Sassarese, è stato deciso e concluso dalla attuale Direzione che ha lavorato a questo obiettivo fin dal suo insediamento per offrire una struttura più adeguata ai piccoli pazienti, alle loro famiglie e a tutto il personale che vi opera.

La nuova struttura è accreditata, risponde ai requisiti di qualità e sicurezza previsti dalla normativa ed è collocata in una realtà ospedaliera con tutte le specialità e i servizi di supporto fondamentali per la sua corretta attività. Il trasferimento ha inoltre consentito un notevole abbattimento dei costi grazie alla cancellazione delle spese di locazione e delle spese di trasporto dei pazienti e di materiale. Il reparto troverà poi la propria sede definitiva nel nuovo Padiglione Materno Infantile che verrà realizzato a monte di Viale San Pietro, così come previsto dall’ appalto per la realizzazione del nuovo ospedale che la AOU ha recentemente aggiudicato, mantenendo il finanziamento ministeriale assegnato.

La nuova sede del reparto di Neuropsichiatria infantile è stata intitolata alla memoria del prof. Camillo Mastropaolo, recentemente scomparso, indimenticato maestro nei numerosi ambiti della neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza. A Mastropaolo si devono le fondamenta della Clinica di Neuropsichiatria infantile, poste nel 1972. Nominato Professore emerito dopo il suo pensionamento, Camillo Mastropaolo ha anche ricoperto l'incarico di Assessore regionale della Sanità con la giunta presieduta da Mario Melis. La figura del medico, i suoi contributi clinici e scientifici sono stati ricordati da colleghi e allievi che hanno lavorato al suo fianco per molti anni. Al termine della commemorazione, i presenti hanno visitato la nuova sede del reparto.
Commenti
22/7/2016
L´isola è la prima ad aver recepito l’intesa della Conferenza delle Regioni sui percorsi diagnostici terapeutici assistenziali per persone con malattie infiammatorie croniche dell´intestino e malattie reumatiche infiammatorie ed autoimmuni
22/7/2016
Quanti, al 31 dicembre 2015, erano in possesso del riconoscimento di handicap grave, potranno inoltrare istanza per la predisposizione di un piano personalizzato di sostegno
22/7/2016
«Il mancato pagamento delle prestazioni dell’Aias da parte delle aziende sanitarie regionali sta creando sconcerto e sconforto in 1240 dipendenti qualificati che lavorano nelle 43 strutture regionali e che aspettano cinque mensilità di retribuzione», dichiara Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale
22/7/2016
Quella che era una bandiera della giunta regionale è ormai un drappo lacerato dalla guerra tra le comari eccellenti del PD sardo e del centro-sinistra in generale. Si mira solo a porre il sistema sanitario sotto uno stretto controllo delle camarille politiche, con il copia e incolla di un modello già sperimentato e fallito in altre Regioni
22/7/2016
Nel giro di qualche settimana la rete sarà costituita dai presidi di soccorso e in totale da 11 defibrillatori posizionati in punti strategici della città e delle frazioni
© 2000-2016 Mediatica sas